Corriere della Sera: Bpvi, avviata azione collettiva dei soci

Corriere della Sera / Corriere del Veneto http://corrieredelveneto.corriere.it/veneto/notizie/cronaca/2015/23-sett...

Bpvi, avviata azione collettiva dei soci

Lo studio Calvetti di Treviso: «Azionisti raggirati dalla banca»

TREVISO Lo studio Legale Calvetti di Treviso ha avviato, per conto di numerosi soci azionisti di Banca Popolare di Vicenza, la presentazione di una azione collettiva nel procedimento penale pendente alla Procura di Vicenza contro i vertici ed ex amministratori della banca indagati per aggiotaggio e ostacolo agli organi di vigilanza. Inoltre per essere stati, gli azionisti, raggirati dalla banca ad acquistare azioni per ottenere prestiti penalizzati poi dal falso valore delle azioni, cui è conseguita la svalutazione e quindi il danno. Lo studio legale, che rappresenta gli associati del Siti (l’associazione tra le più importanti in Italia nella tutela degli azionisti di minoranza nelle società quotate e non) ritiene che gli azionisti «siano stati raggirati dalla banca ad acquistare azioni per ottenere prestiti penalizzati poi dal falso valore delle azioni cui è conseguita la svalutazione e quindi il danno».

Inoltre che nel caso di prestiti garantiti da acquisto di azioni della banca finanziatrice, «la perdita del valore delle azioni per cause non riferite all’andamento del mercato rientrino nei costi che costituiscono il Taeg portando così il tasso d’interesse sul finanziamento abbondantemente sopra la soglia di usura con ogni evidente conseguenza sia in termini di illeciti civili che penali». Le azioni giudiziarie portate avanti dallo studio legale trevigiano in collaborazione col Siti mirano «a far ottenere agli azionisti, anche per quelli che hanno acquistato azioni senza il collegamento dei finanziamenti la nullità del contratto di acquisto per illecità della causa con conseguente restituzione del prezzo di acquisto originario. A cui andrà aggiunto il danno da perdita di chance e al danno morale conseguente al reato».